Colori per le pareti del Soggiorno

Scegliere i colori per le pareti del soggiorno è qualcosa di molto creativo, ma anche molto impegnativo. Questo perché il soggiorno è la camera dell’accoglienza per eccellenza. È il luogo dove amiamo ospitare i nostri amici ed è un po’ il biglietto da visita della nostra casa.

La cura, la creatività, la ricercatezza di ogni dettaglio del nostro salone, crea delle aspettative alte per quel che concerne lo stile del resto della casa.

La tinteggiatura delle pareti del soggiorno è un’attività per certi veri divertente, perché consente di rinnovare il volto della nostra camera principale, ma contemporaneamente, è un’ attività che richiede una serie di studi molto importanti prima di arrivare alla scelta del colore ideale per le nostre pareti.

Come scegliere i colori delle pareti per il soggiorno

Gli elementi da considerare, per arrivare alla scelta corretta dei colori, sono molteplici:

  • la posizione della camera all’interno della casa;

  • la sua esposizione al sole,

  • la forma e lo spazio disponibile;

  • la pavimentazione;

  • stile e colore dell’arredo

  • stile generale della casa e del padrone di casa.

Considerare tutte queste variabili è importantissimo, perché il colore, una volta impresso sulle pareti, andrà non solo ad incidere sulla percezione estetica della casa, ma anche sulla personalità di chi ci vive.

Studi sociologici condotti in materia hanno dimostrato che il colore delle pareti di ciascun ambiente va ad incidere sull’umore di chi viene a contatto con esse, figuriamoci di chi in quell’ambiente ci vive quotidianamente.

Vediamo, dunque, come ciascuna delle variabili sopra menzionate, va ad esercitare un certo peso sulla scelta dei colori per le pareti del soggiorno.

Per quel che concerne la posizione della camera all’interno della casa, la regola generale vuole colori vivaci per un soggiorno quanto più attaccato all’ingresso, per conferire una forte impronta di personalità alla casa, sin dai primi passi al suo interno.

Colori più chiari e neutri, per soggiorni collocati tra le altre stanze e magari di dimensioni più anguste, per aumentare l’impressione di ariosità ed ampiezza.

Per quel che riguarda, invece, l’esposizione della camera al sole, il consiglio degli esperti è quello di sbizzarrirsi con i colori, anche quelli scuri, se la camera è esposta a Sud ed è, dunque, ben soleggiata; viceversa, occorre prediligere i colori chiari per i soggiorni collocati a Nord, che scarseggiano di luce.

Poi c’è da considerare la forma della camera e lo spazio disponibile, così come delimitato dalle pareti. Nel caso di camere rettangolari, dove le pareti lunghe sono più ravvicinate, gli esperti consigliano colori chiari o anche i contrasti di colori, per incidere positivamente sulla percezione degli spazi.

Nel caso di camere quadrate di ampio respiro, anche i colori scuri sono ben accetti, soprattutto se lo stile prediletto è quello moderno.

Un elemento da non sottovalutare. Nella scelta dei colori per le pareti del soggiorno, è la pavimentazione.

In materia, i seguaci dello stile moderno affermano che la strategia vincente è quella di creare contrasti di colori, tra toni del pavimento e toni delle pareti.

Se il nostro soggiorno gode, ad esempio, di un pavimento chiaro, in parquet, in gres porcellanato ed altre tipologie di piastrelle di colore neutro, l’ideale è tinteggiare le pareti di colori scuri (marrone, grigio, nero), se il desiderio è quello di creare una camera di forte impatto estetico.

Al contrario, nel caso di un parquet scuro o di piastrelle scure è importante dare luce alle pareti, per evitare un effetto di eccessiva oscurità.

Un altro elemento da considerare, per procedere con successo alla tinteggiatura delle pareti del soggiorno, è l’arredo esistente.

Occorre, con più precisione, tenere in conto il colore dei mobili presenti, il loro stile, lo spazio che essi occupano in camera, ovvero tutta una serie di elementi che possono aiutarci a scegliere il colore più idoneo al nostro soggiorno.

Se i mobili che abbiamo scelto per il nostro soggiorno sono in legno scuro, ad esempio il wengè, se lo stile è decisamente moderno, fatto di linee semplici e nette, se gli elementi di arredo sono pochi, in modo da lasciare massimo spazio vivibile in camera, colori moderni come il grigio o il fango.

Potranno rifinire ed esaltare al massimo la personalità del nostro soggiorno. Viceversa, se gli elementi di arredo sono abbondanti, e se lo stile di riferimento è più classico-tradizionale, i colori neutri dal bianco al beige, spingendosi sino all’ocra e all’oro, andranno a completare lo scenario estetico del nostro soggiorno.

Un’altra variabile importantissima da considerare è la personalità del padrone di casa.

Arredare casa significa portare parte della propria personalità negli ambienti in cui si andrà a vivere. Una personalità che potrà essere percepita sin dalla scelta dei colori per le pareti di ciascun ambiente, compreso il soggiorno.

Ecco che i padroni di casa più solari potranno prediligere colori vivaci; mentre le personalità più riservate opteranno per colori neutri; gli appassionati di stile sceglieranno i colori di tendenza (nero, grigio, marrone); i più tradizionali sceglieranno tra due tipi di colori: i neutri (bianco, beige) e i toni caldi (oro e affini).

Per ogni personalità il colore adatto a rifinire lo stile del proprio soggiorno. Ma al di sopra dei gusti personali, c’è una verità molto importante, da considerare.

I colori prescelti, una volta affissi alle pareti, andranno a condizionare l’umore del padrone di casa, giorno per giorno.

Quindi è bene, di ciascun colore, valutare tanto gli effetti a breve termine, che quelli a lungo termine, su personalità e stati d’animo.

Ad esempio, un colore vivace come il giallo, sembra adattissimo alle personalità gioviali, e lo è. Ma c’è anche da considerare che a lungo andare può avere dei risvolti negativi sull’umore del padrone di casa, che magari quando è in soggiorno a guardare la TV vorrebbe rilassarsi, ma di fronte a quelle pareti così accese non riesce e comincia a provare una certa irrequietudine.

Tinteggiare le pareti di un colore scuro, come il grigio, può conferire ad un soggiorno una forte personalità moderna.

Ma con il passare del tempo, colori come il grigio, trendy ma dark, potrebbero apparire soffocanti ed incidere negativamente sull’umore del padrone di casa, rendendolo particolarmente cupo e malinconico.

Considerare tutte queste variabili ci ha permesso di approfondire un argomento molto delicato come quello della tinteggiatura delle pareti di casa.

Scegliere i colori delle pareti di casa, abbiamo visto, è un’impresa sicuramente creativa ed appassionante, ma che nasconde anche qualche insidia.

Ecco che è importante affidarsi ad esperti del settore, farsi consigliare da designer e arredatori, non lasciarsi trasportare dall’impulso.

Tutto ciò per evitare il rischio di creare un soggiorno di grande impatto estetico, ma magari difficile da vivere nella quotidianità, o viceversa, un ambiente più vivibile, ma anonimo, asettico e privo di personalità.